Il programma di screening per identificare e controllare i casi di mutazione genetica Brca, che possono causare il tumore della mammella e il tumore dell’ovaio, sarà potenziato e saranno creati percorsi specifici nei Centri di riferimento della Rete oncologica del Piemonte e della Valle d’Aosta. In più, le visite e gli esami di controllo per le persone sane ma con rischio già accertato dal test genetico saranno d’ora in poi gratuiti. Sono le novità introdotte dalla Regione Piemonte, con l’obiettivo di migliorare l’individuazione e la sorveglianza dei casi di mutazione dei geni Brca1 e Brca2.

Vai sul sito di Regione Piemonte

Leggi su Repubblica.it