Cosa manca in Italia per potere affermare che le presa in carico delle persone portatrici della mutazione genetica BRCA sia adeguata?
Abbiamo riassunto i punti principali nella tabella in calce all’ articolo che speriamo possa essere divulgata in tutte le sede istituzionali e non solo.
Grazie al coordinamento di FAVO con Elisabetta Iannelli, abbiamo realizzato un lavoro congiunto tra società scientifiche e associazioni ( Caos Varese, Europa Donna Italia, ACTO onlus), scrivendo un capitolo inedito sul significato della Mutazione BRCA e le criticità di accesso e di gestione del paese, inserito all’ interno del 10 Rapporto sulla condizione assistenziale dei malati oncologici, presentato in Senato lo scorso Maggio in occasione della Giornata Nazionale del Malato Oncologico.
Insieme si può.

Leggi su OncoLine di Repubblica