“Francesca era molto vicina all’associazione aBRCAdaBRA, che si occupa della tutela dei diritti delle persone con mutazione BRCA1 e 2. Chi ha questo gene modificato corre un rischio molto alto di avere una diagnosi di cancro e un rischio di recidiva aumentato rispetto alle donne che invece non hanno il Brca modificato”.

Continua a leggere