Il 16 e 17 Marzo si è svolto a Catania un seminario molto interattivo al quale hanno partecipato prevalentemente oncologi e ginecologi dei 20 ” Ovarian Cancer Centers” italiani.
E’ molto importante che la chirurgia dell’ ovaio e del tumore ovarico sia eseguita da mani esperte. Gli Standard Europei hanno identificato in 100 il numero minimo di casi chirurgici annui di tumore ovarico che devono essere gestiti da questi Centri
Attraverso la sua relazione, la Presidente Ornella Campanella ha presentato aBRCAdaBRA, perché nasce, con quale mission e obiettivi, cosa chiedono le pazienti e i carrier sani, enfatizzando le criticità raccolte in moltissime regioni.
Prima della chisura dei lavori, un take home message importante condiviso da tutti i presenti: nonostante i promettenti studi di efficacia di alcuni nuovi farmaci ( parp inibitori) sia nelle pazienti con cancro ovarico BRCA positive che negative, é indispensabile continuare ad eseguire loro il test in modo da potete avviare al counselling le loro famiglie. Il rischio pericolosissimo sarebbe altrimenti quello di non intercettarle e non poterle” mettere in sicurezza”.
aBRCAdaBRA sorveglierà attentamente questo “hot topic”, coinvolgendo gli esperti sanitari chiedendo loro di dirimere i dubbi.